In evidenza In evidenza

pubblicitàpubblicità

Ultime notizie Ultime notizie

La veleziana si tinge di rosa

La XII^ edizione della Veleziana si tinge di rosa con il successo di GOLFO DI TRIESTE il super maxi con equipaggio tutto femminile organizzato e gestito da Francesca Clapcich , olimpionica...

Schiavon vince anche a Venezia

Veleziana Dinghy Cup , una regata nata dal niente e che si è trasformata subito in un evento di grande richiamo, la regata di Dinghy contemporanea alla Veleziana attira in laguna di Venezia...

Ci lascia Umberto Oselladore

Ci ha lasciato nella giornata di giovedì 17 ottobre Umberto Oselladore , uno dei soci storici del Circolo Nautico Chioggia, proboviro per tutti gli anni ‘70 fino alla metà degli anni ’80 e...

Campionato zonale Optimist, la classifica

E’ l’ora del Campionato Zonale Optimist per la pubblicazione delle classifiche sul sito della XII^ Zona che ha dovuto attendere le classifiche delle regate di San Giuliano (15 settembre) e...

Barcolana e dintorni

Fine settimana ovviamente intenso nelle acque del Golfo di Trieste, non solo Barcolana ma anche tutti gli eventi collaterali collegati alla 51^ edizione della grande kermesse velica che tutto...

Tutte le notizie Tutte le notizie

Indietro

Ready steady Tokyo, 2 medaglie azzurre

Giornata di finali a Enoshima per le classi veloci e ultimo giorno di qualificazioni per le classi veliche più tradizionali, ma il bilancio azzurro è già definitivo con l’oro di Tita – Banti nel Nacra 17 e l’argento di Mattia Camboni nella tavola maschile; questo bottino non potrà essere incrementato perché nelle altre classi nessun azzurro si è qualificato per le Medal Races. Tornano quindi alla vittoria Tita – Banti nel catamarano misto, gestiscono con attenzione la regata finale a punteggio doppio e tengono la testa della classifica, 2° posto in Medal per l’altro equipaggio azzurro formato da Bissaro – Frascari, per loro un buon 7° posto finale; tra gli RSX maschili grande prova per Mattia Camboni che infila un 2° in Medal Race risalendo dal 4° al 2° posto della classifica finale. Nell’ultima giornata di qualificazione nelle altre classi Ferrari – Calabrò chiudono al 17° posto nel doppio maschile, Di Salle – Dubbini al 13° nel doppio femminile, Silvia Zennaro chiude in calo (22 – 29) al 21° posto dopo la bella giornata di ieri che l’aveva fatta risalire fino al 16° posto, Carolina Albano invece chiude meglio come parziali (10 – 15) ma risale solo al 29° posto. Nel Laser Radial giornata difficile anche in vetta alla classifica, il terzetto di testa rimane invariato ma non brilla, la belga Emma Plasschaert (19 – 11), l’olandese Marit Bouwmeester (17 – 12) e l’ungherese Maria Erdi (9 – 25), se ne avvantaggia l’atleta di casa Manami Doi che con grande regolarità (7 – 6) risale fino al 4° posto; miglior score di giornata per la lituana Victorja Andrulyte (1 – 5) che conquista l’ultimo posto disponibile per la Medal Race ai danni della danese Anne Marie Rindom mentre l’altra vittoria di giornata è per la canadese Sarah Douglas anche lei in Medal assieme a quelle già citate e alle finlandesi Tenkanen e Mikkola, alla britannica Alison Young e alla statunitense Erika Reineke.

ready steady tokyo

Qui le classifiche https://tokyo2020.org/en/special/readysteadytokyo/sailing/results/