In evidenza In evidenza

pubblicitàpubblicità

Ultime notizie Ultime notizie

Corazza e Italia Yachts, da non perdere

E’ sicuramente “una storia da raccontare” quella di Franco Corazza e di Italia Yachts , pomeriggio da non perdere sabato 23 Novembre alle ore 16.00 presso Darsena Le Saline, un incontro...

Acqua alta eccezionale

Acqua alta eccezionale nella notte tra il 12 e il 13 novembre, un forte vento da terra ha forse risolto una situazione che cominciava a farsi preoccupante con picchi superiori a 180 centimetri,...

Napoli, Silvia Zennaro torna in Italia Cup

Dopo una lunga assenza dal circuito Silvia Zennaro è tornata nella tappa di Napoli ad una prova di Italia Cup, tappa resa durissima dalle condizioni meteo che hanno costretto il CdR a...

Ci lascia la signora Garolo

Socia del Circolo Nautico Chioggia per molti anni quando condivideva i pomeriggi con le molte signore del CNC, ci ha lasciato Clara Bennato Zennaro , madre di Gianni Garolo titolare del negozio...

Atleta dell'anno CNC, prima selezione

Conclusa, più o meno, la stagione agonistica con la fine del mese di ottobre il Comitato Organizzatore del premio atleta dell’anno del Circolo Nautico Chioggia, Trofeo del Presidente Angelo...

Tutte le notizie Tutte le notizie

Indietro

Trofeo della Pila, line honours per maramao

Ce l'ha fatta il “piccolo” MARAMAO a mettere la prua davanti a tutti sul percorso costiero di Chioggia – Foce Adige – Tegnue – Chioggia, l’Este 24 di Davide Ravagnan, complici forse anche le condizioni leggere, è risultato imprendibile anche per le imbarcazioni più grandi, l’X362 GAUCHO BAGIGIA, i due Delta 120 DAKOTA e ARTEMISIA e il First 36 GRAFITE arrivati tutti piuttosto ravvicinati ma staccati di quasi 5 minuti dal Minialtura che ha così conquistato Line Honours e Trofeo della Pila per la prima imbarcazione in tempo reale.

trofeo della pila

Condizioni leggere come da previsioni, tuttavia questa regata ha il suo fascino e anche quest’anno raccoglie  una ventina di imbarcazioni nonostante ben due contemporaneità; il C.O. e il CdR non si fanno scoraggiare e decidono comunque per il percorso completo che mette a dura prova i concorrenti, ma alla fine sono solo le 6 imbarcazioni più piccole e più lente a ritirarsi esasperate dal caldo e dal poco vento, mentre le cosiddette “grandi” a tutte vele chiudono con un tempo di poco inferiore alle 3 ore. Per la precisione 2 ore e 43 minuti è il tempo che consegna a MARAMAO la 54^ edizione del Trofeo della Pila, una regata nata nel lontano 1966 con la sigla, oggi riproposta, di 4 Bordi in Adriatico cui dal 1971 è stato affiancato il challenge rappresentante il faro della Pila, considerato che in quegli anni il percorso arrivava alla foce del Po di Maestra e si concludeva spesso con uno spettacolare arrivo notturno davanti alla sede del Circolo Nautico. Entra nella storia più recente della regata quindi MARAMAO di Davide Ravagnan, una storia che il CNC ha ricominciato a scrivere dal 2013 ripresentando la storica sigla non più utilizzata dal 2007 al 2012; dopo l’arrivo dell’Este 24 e del suo bel gennaker con il Leone rampante emblema della Città di Chioggia, il duello ravvicinato tra GAUCHO BAGIGIA e DAKOTA poi in successione ARTEMISIA, GRAFITE e IMPETUOSA. Le classifiche di classe in tempo compensato con Rating FIV escludono per forza di cose MARAMAO stazzato ORC e vedono i successi del JNP 999 COCOON in Classe A vele bianche, del Comet 333 CHAPARRA in Classe B vele bianche, dell’X 362 GAUCHO BAGIGIA in Classe A tutte vele, del Nova 33 VICTORY in Classe B tutte vele.

trofeo della ila

 

Nella foto in alto l’equipaggio di MARAMAO con il Trofeo della Pila: Davide Ravagnan, Clori Boscolo, Giordano Fornaro

Nella foto in chiusura l’arrivo ravvicinato di GAUCHO BAGIGIA e DAKOTA

Qui tutte le classifiche

Qui le foto di Danilo Marzola

Qui La Nuova del 17 giugno

trofeo della pila